La tua ULSS cambia nome In seguito alla riorganizzazione della
sanità in Veneto, dal 1 gennaio 2017
ULSS12, ULSS13 e ULSS14 si uniscono nella nuova ULSS 3 Serenissima
I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > > > Rapporto generale di attività - anno 2013

Rapporto generale di attività - anno 2013

Il “rapporto generale di attività” presenta in formato tabellare e grafico una serie di dati che illustrano l’andamento dell’attività ospedaliera dell’AULSS 13 mettendo a confronto gli anni 2013 e 2012.
Sono oggetto di osservazione: la popolazione residente, i ricoveri (ordinari e diurni), la produzione dei D.R.G. (diagnosis related groups), gli interventi chirurgici, il tasso di ospedalizzazione delle persone residenti nell’Ulss 13 e l’attività specialistica ambulatoriale. 
 
Rapporto sull'attività ospedaliera         Anno 2013 e confronti con il 2012
 
 
 Indice 
1. Dati demografici dell’Ulss 13, al 31 dic. 2013 pag. 3
2. Attività di ricovero complessiva pag. 8
3. Produzione di D.r.g. pag. 34
4. Interventi chirurgici pag. 66
5. Spedalizzazione dei residenti dell’Ulss 13 pag. 72
6. Attività ambulatoriale ospedaliera pag. 98
7. Produzione e fuga di prestazioni ambulatoriali pag. 105
 
 
Il rapporto generale di attività è suddiviso in 7 capitoli. 
 
Cap. 1 - Dati demografici: aumenta la popolazione residente 
La popolazione residente dell’Ulss 13 nel 2013 è aumentata di 2.479 unità rispetto all’anno precedente. Il 95% dell’aumento è dovuto a nuovi residenti “immigrati” da altri Comuni. 
L’ammontare della popolazione è stato rideterminato sulla base al Censimento del 2011: ora il numero legale al 31/12/2013 risulta di 271.047 abitanti.
 
Cap. 2 - Attività di ricovero complessiva: stabilità 
L’attività di ricovero complessiva è rimasta sostanzialmente stabile: tra il 2012 e il 2013 ha visto la diminuzione di 230 (- 0,8 %) ricoveri (ordinari e diurni), passati da 28.996 nel 2012 a 28.765 nel 2013. 
Se si considera l’intero decennio 2004 – 2013 la diminuzione dei ricoveri è stata importante: per gli ordinari la diminuzione è stata del 20%, essendo passati da 28.466 a 22.714 (5.752 ricoveri), mentre i diurni sono dimezzati, passando da 12.615 a 6.051 (- 52%).
 
Cap. 3 - Produzione dei D.R.G. (Diagnosis related groups) 
Analizzando i singoli Drg trattati dall’Ulss 13 nel 2013, in ordine di numerosità, tra le prime 6 posizioni si trovano 5.233 (18,2 %) ricoveri della disciplina di Ostetricia – Ginecologia; nelle prime 9 posizioni si trovano 2.092 (7,3 %) ricoveri inerenti le malattie cardiovascolari. 
Se si considera invece il valore tariffario dei Drg, quelli più onerosi, riscontrabili nelle prime 17 posizioni, riguardano patologie cardiovascolari per circa 16.979.088 di euro (il 18,3 % dell’intera produzione di DRG); altri DRG della disciplina di Ostetricia e Ginecologia raggiungono circa il 8,7 % della produzione; il DRG di sostituzione di articolazioni maggiori o reimpianto degli arti inferiori, da solo, assorbe il 2,8 % della produzione.
 
Cap. 4 - Interventi chirurgici: diminuisce l’indice operatorio
Nel 2013 l’indice operatorio, ossia la percentuale di dimessi dopo un intervento rispetto al numero totale di dimessi, raggiunge la media del 54,8 % (- 1,6 % rispetto al 2012), con punte del 97,5 % in Chirurgia Vascolare, del 92,7 % in Ostetricia-Ginecologia, del 88,7 % in Oculistica e del 87,6 % in Ortopedia-Traumatologia.
 
Cap. 5 - Spedalizzazione dei residenti: raggiunto l’obiettivo fissato dalla Regione Veneto
Il tasso di spedalizzazione dei residenti dell’Ulss 13 nel 2013 è pari a 129,8 ricoveri per 1.000 abitanti contro il 135,2 del 2012; l’Ulss 13 rispetta così gli indirizzi della Regione Veneto che negli ultimi anni ha posto come obiettivo la riduzione continua della spedalità, mantenendola al di sotto dei 140 ricoveri per 1.000 abitanti. 
La “fuga”, cioè i ricoveri di persone residenti nell’Ulss 13 in ospedali di altre Ulss del Veneto, rappresenta il 35% del totale dei ricoveri, mentre il 65% avviene nei Presidi Ospedalieri presenti nell’Ulss 13. Il maggior numero di “fughe” si ha verso l’Ulss 16 e Azienda Ospedaliera di Padova (4.718 ricoveri), l’Ulss 12 Veneziana (3.522 ricoveri), l’Ulss 9 Treviso (1.133 ricoveri), l’Ulss 15 Cittadella (859 ricoveri). Le discipline cliniche per le quali avviene il maggior numero di “fughe” sono: Ortopedia-Traumatologia (2.082 ricoveri), Chirurgia generale (1.388 ricoveri), Ostetricia-Ginecologia (1.372 ricoveri), Recupero e Riabilitazione Funzionale (762 ricoveri).
 
Cap. 6 - Attività ambulatoriale ospedaliera: in leggero aumento
Rispetto al 2012, le prestazioni specialistiche ambulatoriali erogate da strutture ospedaliere (pronto soccorso e screening compresi) effettuate nel 2013, sono aumentate di 50.029 (+1,7 %).
 
Cap. 7 - Attrazione e fuga di prestazioni ambulatoriali: in diminuzione
Nel 2013 la produzione complessiva di prestazioni specialistiche ambulatoriali da parte di tutte le strutture dell’Ulss 13, ospedaliere, territoriali e private convenzionate, è nettamente diminuita rispetto al 2012: si registra un calo del 2,8% pari a 120.488 prestazioni, dovuto esclusivamente alla diminuzione di prestazioni erogate dalle strutture private accreditate. 
Anche le prestazioni erogate ai soli pazienti residenti dell’Ulss 13 sono diminuite: calo di 25.208 pari allo - 0,6 %; ciò è frutto di un aumento delle prestazioni nelle strutture pubbliche (+ 1,3 %) a fronte di una notevole diminuzione nelle strutture private accreditate (- 9,2 %). 
Scomponendo l’attività ambulatoriale per “macrobranca” si nota una diminuzione marcata della specialistica clinica (- 17,5 %) e molto più contenuta della diagnostica di laboratorio (- 1,1 %), invece una sostanziale stabilità della diagnostica di radiologia (+ 0,2 %).
Infine la media di prestazioni nel 2013 si attesta a 17,3 prestazioni per abitante dell’Ulss 13 contro le 18,4 del 2012.
Ultimo aggiornamento: 10-12-2015
Condividi questa pagina: