La tua ULSS cambia nome In seguito alla riorganizzazione della
sanità in Veneto, dal 1 gennaio 2017
ULSS12, ULSS13 e ULSS14 si uniscono nella nuova ULSS 3 Serenissima
I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > > > Progetto di prevenzione sostanze psicoattive

Progetto di prevenzione sostanze psicoattive

Il Progetto
Si tratta di un progetto rivolto alla prevenzione dei comportamenti a rischio negli adolescenti, in particolare della sperimentazione e dell’uso di sostanze psicoattive.
Da oltre 10 anni il nostro Servizio attua interventi di prevenzione in questo ambito, rivolti agli studenti delle classi superiori attraverso un percorso che ha visto un coinvolgimento sempre maggiore degli stessi ragazzi (anche come Peer Educators) nelle attività in classe.
La necessità di tali interventi era già emersa nell’a.s. 1997/98 in una ricerca effettuata in un istituto superiore di Mirano, in cui, su un totale di 210 studenti delle classi 2° - 3° – 4° - 5° intervistati, si era rilevata una significativa prossimità con le sostanze: quasi la totalità degli alunni (92.86%) era a contatto più o meno diretto con persone che facevano uso di qualche tipo di droga.
Era risultato quindi inevitabile affrontare a vari livelli questo problema e la scuola è apparsa, in questo senso, come un contesto privilegiato su cui intervenire. Da un lato, infatti, accoglie al suo interno, almeno nella Regione Veneto, il 95% degli adolescenti nella fascia d’età tra 1 16 ed i 17 anni; dall’altro lato, poi, è una Comunità che sembra possedere tutti i requisiti per rispondere al concetto di “sistema educativo integrato”, secondo il quale tutte le componenti della comunità, in quanto tra loro interconnesse, devono essere attivate nel processo educativo, ognuna ovviamente con la propria specificità. Numerosi studi ed esperienze di questi ultimi anni dimostrano poi come il concetto di “sistema educativo integrato” sia particolarmente funzionale alle esigenze della prevenzione universale e selettiva e della promozione della salute.
Alla luce di queste considerazioni, il “progetto mosaico” è nato dall’idea che la scuola, attraverso la costituzione di una “rete” tra studenti, componenti scolastiche docenti e non docenti, famiglie e servizi socio-sanitari dell’Azienda ULSS, possa costituire un efficace ambito di prevenzione rispetto all’uso di sostanze psicoattive e di altri comportamenti a rischio degli adolescenti.
Così dall’a.s. 2001 – 2002 sono stati attuati dagli operatori del SEPS moduli di intervento di quattro ore in tutte le classi seconde superiori dei poli scolastici di Dolo e Mirano, volti alla prevenzione delle sostanze stupefacenti.  

 
Ad iniziare dall’a.s. 2003 – 2004 il modulo è stato modificato, coinvolgendo negli interventi in classe i Peer Educators, (studenti di 3^ o 4^ superiore) specificamente preparati con Corsi di formazione pomeridiani. Nell’a.s. 2004 – 2005 l’offerta di attività si è ampliata, attraverso la partecipazione al progetto sperimentale regionale “Sfumiamo i dubbi”, con  un intervento di prevenzione del tabagismo di 2 ore nelle classi prime superiori da parte di Peer Educators, appositamente formati.       

Facendo tesoro dell’esperienza di quegli anni, ad iniziare dall’a.s. 2007 - 2008 è stata proposta una nuova organizzazione integrando all’interno del progetto la prevenzione del tabagismo (già “Progetto Sfumiamo i dubbi”) e anticipando nella classe prima i contenuti riguardanti l’alcool.
Il Progetto “Mosaico” si è quindi trasformato in due diversi moduli  didattici informativo – educativi, attuati dai Peer Educators e, in minor parte, dagli operatori del SEPS:
·   uno per le sostanze psicoattive legali (nelle classi prime)
·   uno per quelle illegali (nelle classi seconde).
 
Finalità                           
Prevenzione universale e selettiva delle sostanze psicoattive legali ed illegali nel contesto scolastico.

Norme e Leggi di  riferimento
¨   DPR 309/90 (Istituzione Fondo di Lotta alla droga)
¨   Delibera ULSS 13 n. 986 del 12.11.02
¨   Strategia di Prevenzione delle patologie fumo-correlate della Regione del Veneto (DGR 3231 del 15 novembre 2002), all’interno della linea d’intervento “Prevenzione del fumo di tabacco fra gli adolescenti - Area Scuola”.
¨   Piano Nazionale “Guadagnare in salute” – 2007
 
Obiettivi Specifici
·  aumento delle conoscenze degli studenti sull’uso di sostanze psicoattive legali ed illegali, con particolare riguardo agli aspetti di legalità;
·  prevenzione dell’iniziazione e dell’uso di sostanze psicoattive legali ed illegali, attraverso una maggiore responsabilizzazione dei giovani;
·  modifica degli atteggiamenti e dei comportamenti a rischio legati all’uso di sostanze psicoattive (incidenti ed infortuni stradali, malattie sessualmente trasmesse e HIV, gravidanze indesiderate…);
·   rinforzo della peer education come efficace strumento di prevenzione
 
Articolazione del progetto

MOSAICO 1° anno – Prevenzione droghe legali (fumo di sigaretta e alcol)

MOSAICO 2° anno – Prevenzione droghe illegali

 
Valutazione
La valutazione degli interventi, per la valutazione della modifica delle conoscenze e degli atteggiamenti a rischio, è effettuata attraverso la somministrazione di un questionario pre e post intervento agli studenti coinvolti. Con lo stesso questionario viene anche valutato il livello di gradimento delle varie attività.
Il report finale viene poi consegnato al responsabile alla Salute e al Dirigente dei singoli Istituti.                                               
 
per informazioni:
responsabile di progetto: dr.ssa Maria Negri
Ultimo aggiornamento: 20-11-2015
Condividi questa pagina:
 
Ricerca nel sito
ulss3