La tua ULSS cambia nome In seguito alla riorganizzazione della
sanità in Veneto, dal 1 gennaio 2017
ULSS12, ULSS13 e ULSS14 si uniscono nella nuova ULSS 3 Serenissima
I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > > > Ufficio di piano, organizzazione e gestione dei servizi sociali e socio sanitari

Ufficio di piano, organizzazione e gestione dei servizi sociali e socio sanitari

 
Direttore PierangeloSpano_respUfficiodiPianodott. Pierangelo Spano
Indirizzo
Via Mariutto, 76 – 30035 Mirano (Ve)

Direttore
Dott. Pierangelo Spano

Tel.
041 5795121

Fax:
041 5795154

Mail:
direzioneservizisociali@ulss13mirano.ven.it
 

Come ribadito anche nel PSSR 2012-2016 della Regione Veneto (l.r. n. 23/12) un assetto istituzionale integrato si fonda sull’accordo programmatico, gestionale e valutativo tra Aziende ULSS e Comuni, attraverso i loro organismi di rappresentanza (Conferenza dei Sindaci ed Esecutivo della conferenza).

Il Piano di Zona è lo strumento principale dell’accordo programmatico e deve saper accompagnare la programmazione e la gestione del sistema di risposte ai bisogni socio sanitari del territorio in maniera coerente con gli obiettivi della programmazione regionale.

L’istituzione di questa unità operativa complessa, posta a carico del bilancio sociale, mette in campo una risposta organizzativa credibile e funzionale per la gestione della complessità che caratterizza i molteplici aspetti operativi della gestione integrata dei servizi sociali e socio sanitari che, secondo quanto previsto dai Lea (livelli essenziali assistenziali), coinvolgono, di volta in volta, responsabilità dell’Azienda e dei Comuni.

A questo livello organizzativo, collocato in staff al Direttore dei servizi sociali e della funzione territoriale, competono:

  • il presidio dell’intero ciclo di programmazione, gestione e controllo degli interventi sociali e socio sanitari;
  • la gestione delle risorse erogate ai sensi della l.r. 30/09 (fondo regionale per la non autosufficienza) a garanzia del sistema di risposte residenziali e domiciliari;
  • la tutela dell’equilibrio di gestione del bilancio di parte sociale con particolare attenzione alla funzione di monitoraggio e rendicontazione.
Ultimo aggiornamento: 2-12-2015
Condividi questa pagina: