La tua ULSS cambia nome In seguito alla riorganizzazione della
sanità in Veneto, dal 1 gennaio 2017
ULSS12, ULSS13 e ULSS14 si uniscono nella nuova ULSS 3 Serenissima
I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > > Anestesia, Rianimazione e Terapia Antalgica

U. O. C. di Anestesia, Rianimazione e Terapia Antalgica


Indirizzo

Via XXIX Aprile, 2 - 30031 Dolo (Ve)
Edificio: 3 
Piano: Terra

visualizza la piantina

 

Direttore

F.F. dott.ssa Lorella Altafini
 

Tel.

Segreteria: 041 5133181 (da lunedì a venerdì dalle ore 9.00 alle ore 15.00)

 

Fax:

041 5133475

 

Mail:

rianimazione.dolo@ulss13mirano.ven.it

 

Orari

Visite ai pazienti ricoverati: tutti i giorni
dalle ore 15.30 alle ore 20.30

 

Modalità di accesso

Per visite anestesiologiche e di terapia antalgica la prenotazione avviene tramite CUP Aziendale.
Negli altri casi le prestazioni anestesiologiche sono richieste dai singoli reparti medici e chirurgici o dal Pronto Soccorso.

 

L'Unità Operativa si occupa dello studio di tutti gli interventi terapeutici necessari al ripristino e/o conservazione delle funzioni necessarie per la sopravvivenza. Si occupa inoltre di valutare l'uso adeguato di farmaci anestetici in caso di interventi chirurgici e/o esami strumentali invasivi.

L’U.O. di Anestesia, Rianimazione e Terapia Antalgica di Dolo ha un duplice compito istituzionale:
Lenire o sopprimere il dolore sotto qualsivoglia condizione, patologica o fisiologica, in tutte le donne e in tutti gli uomini di ogni età, in qualsiasi momento della giornata e in qualsiasi giorno dell’anno, utilizzando i farmaci, i metodi e le tecniche più idonei col maggior rapporto beneficio/rischio, sempre con il consenso informato e consapevole di chi si affida alle cure.
Sostenere le funzioni vitali compromesse o in via di compromissione di qualsiasi paziente palesi insufficienza d’organo acuta, fino alla ripresa di un’accettabile autosufficienza. Qualora non sia possibile conseguire, per il tipo di patologia o di condizione irreversibile, il buon esito delle cure, ogni sforzo sarà profuso per garantire una morte dignitosa, avulsa da ogni accanimento terapeutico. In caso di morte cerebrale, sia dal punto di vista tecnico-assistenziale, che da quello psico-affettivo, saranno avviate tutte le procedure di legge per il prelievo di organi e tessuti da trapiantare.
La massima aderenza ai compititi istituzionali è perseguita mediante un processo continuo di aggiornamento e di crescita professionale, sia per medici che per infermieri, basato sulla didattica, sull’audit clinico, su incontri e seminari di reparto, nonché sulla frequenza a corsi e congressi qualificati nazionali ed internazionali e su stage mirati in strutture ad elevata specializzazione e di riconosciuta qualità.
Essenziale per la più proficua condotta diagnostica, terapeutica ed assistenziale, l’integrazione ottimale di tutte le figure professionali, mediche e infermieristiche, in uno spirito collaborativo estraneo a rigidi ed anacronistici modelli strettamente legati ai ruoli tradizionali.
Lo spirito di servizio al prossimo è fulcro di ogni attività medica ed infermieristica.


Staff medico:
dr. L. Altafini, dr. M. Bianchi, dr. A. Bianchini, dr. D. Callegaro, dr. C. Ceschin,  dr. N. Dariol, dr. C. Donolato, dr. P. Fiorese, dr. A. Flagiello, dr. G. Galzignato, dr. F. Gasparini, dr.  G. Giorgetti, dr. P. Griggio, dr. M. E. Leonardi, dr. B. Marin, dr. G. Maso, dr. O. Meneghetti, dr. A.C. Migenes, dr. A. Pellegatti, dr R. Redi, dr. C. Rossi, dr. M. Varrati, dr. G. Zavan

Coordinatore (Caposala):
sig. G. Nardo

 

 
Ultimo aggiornamento: 2-12-2016
Condividi questa pagina: