La tua ULSS cambia nome In seguito alla riorganizzazione della
sanità in Veneto, dal 1 gennaio 2017
ULSS12, ULSS13 e ULSS14 si uniscono nella nuova ULSS 3 Serenissima
I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > > Esenzioni per Pronto Soccorso

Esenzioni per Pronto Soccorso

Le prestazioni fruite per accesso ai servizi di Pronto Soccorso degli ospedali sono soggette al pagamento della quota fissa di €. 25,00 a eccezione dei seguenti casi: 
prime cure che si concludono con il ricovero o con un periodo di osservazione in astanteria;
prestazioni rese in caso di infortunio sul lavoro;
prestazioni indifferibili a giudizio del medico.
 
Per prestazioni indifferibili si intendono quelle effettuate in situazione di emergenza, cioè su pazienti in pericolo di vita (es. stato di coma o di shock, insufficienza cardiorespiratoria, aritmie cardiache, ecc.) o in situazione di urgenza, quando cioè il mancato tempestivo intervento da parte dei sanitari può portare all'aggravamento dello stato generale del Paziente o può indurre la comparsa di complicanze (es. fratture e/o lesioni osteo­articolari importanti, lesioni cutaneo muscolari provocate da agenti fisici o chimici, lesioni di organi di senso, dismetabolismi).
L’accesso alla struttura di primo intervento è regolato secondo codici di priorità (rosso, giallo, verde, bianco) definiti da normative nazionali e regionali, attribuiti, dall’operatore addetto al “triage”, al paziente sulla base della sintomatologia dichiarata al momento dell’accesso.
Il sistema di accoglienza, secondo codici di gravità, consente la priorità di accesso a coloro a cui sono stati assegnati i codici rosso o giallo, e di conseguenza i pazienti con codice verde o bianco vengono visitati in tempi non corrispondenti all’ordine di arrivo.

Il ticket non è dovuto e la quota fissa non è dovuta:
codice rosso, giallo alla dimissione;
codice verde quando il caso è valutato comunque urgente dal medico del Pronto Soccorso.
 
La quota fissa di € 25,00 non è dovuta:
da persone esenti per patologia o per età/reddito, invalidità e categoria;
dai bambini con età inferiore ai 14 anni;
da persone con traumatismi e avvelenamenti acuti.

Il cittadino che accede al Pronto Soccorso, al termine del percorso di cura, è tenuto a ripresentarsi al Servizio per il rilascio della relazione sanitaria contenente la diagnosi e le eventuali terapie proposte.
Entro 30 giorni dalla data di accesso al Pronto Soccorso, seguito dalle immediate dimissioni ovvero dal successivo ricovero ospedaliero, il cittadino deve comunque ritirare presso la Portineria dell’ospedale i referti degli eventuali esami eseguiti il giorno stesso dell’accesso.
In caso di mancato ritiro entro tale termine, l’utente è tenuto, anche se esente, al pagamento per intero della prestazione fruita (Delibera Giunta Regionale 600 del 13.03.2007). L’Azienda inviterà l’utente ad effettuare il versamento entro 60 giorni termine ultimo oltre il quale si procederà al recupero coattivo mediante cartella esattoriale con aggiunta di spese ed interessi.
Ultimo aggiornamento: 13-10-2015
Condividi questa pagina:
 
Ricerca nel sito
ulss3