La tua ULSS cambia nome In seguito alla riorganizzazione della
sanità in Veneto, dal 1 gennaio 2017
ULSS12, ULSS13 e ULSS14 si uniscono nella nuova ULSS 3 Serenissima
I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Cittadini stranieri

Assistenza sanitaria ai cittadini stranieri

Assistenza sanitaria ai cittadini stranieri

Il Veneto è la 3° regione per numero di stranieri in presenza stabile, dopo Lombardia e Lazio.  
Alla data 1/1/2010 in Veneto erano presenti 480.616 stranieri, pari al 9,8% sul totale della popolazione.
Nella provincia di Venezia erano presenti 69.976 stranieri.
Oggi nel territorio della nostra ASL 13 assistiamo 280.591 cittadini di cui 18.633 non italiani.
Gli stranieri presenti sono il 6,64% sul totale degli assistiti.
Gli stranieri che accedono al Pronto Soccorso sono il 9%.
I nati da genitori stranieri nel 2011 nell’ospedale di Dolo sono il 28,4%  (anno 2010 : 25,8%)
I nati da genitori stranieri nel 2011 nell’ospedale di Mirano sono il 18,8%  (anno 2010 : 17,7%)
Nel primo semestre 2012 si evidenzia ancora un aumento dei nati da genitori stranieri e, di conseguenza, la nostra azienda è chiamata a rispondere ai bisogni di questi assistiti, adeguando la propria organizzazione.
Si è vista la necessità di non improvvisare di volta in volta ma di costruire dei percorsi che rendano visibile e trasparente l’accesso ai servizi sia ospedalieri che distrettuali.
 
Sono stati individuati 2 flussi di intervento:
flusso A   per le cure ambulatoriali sia ospedaliere che territoriali
flusso B   per gli Accessi al Pronto Soccorso e per i ricoveri ospedalieri
 
Sono stati definiti 3 percorsi:
percorso 1        per i cittadini Europei o provenienti da paesi con convenzioni (Svizzera, Vaticano, ecc.)
un percorso 2   per i cittadini stranieri paganti o muniti di assicurazione, un percorso ENI (Europei Non Iscritti)
un percorso 3   per soggetti non in regola con le norme relative all’ingresso e al soggiorno, extraUE, indigenti
 
Al fine di essere efficaci nel risultato si provvederà a:
 
  • promuovere l’avvio di un confronto con le organizzazioni e le associazioni che nel territorio si occupano e solidarizzano con gli stranieri
  • rafforzare la collaborazione con i mediatori culturali già presenti nel territorio
  • divulgare i percorsi, in più lingue, utilizzando il sito aziendale che già pubblica la GUIDA  all’assistenza sanitaria erogata dal SSN ai cittadini non italiani presenti in ITALIA
  • presentare anche un percorso per cittadini Europei Non Iscritti (Tessera ENI)
Ultimo aggiornamento: 16-10-2015
Condividi questa pagina:
 
Ricerca nel sito
ulss3