La tua ULSS cambia nome In seguito alla riorganizzazione della
sanità in Veneto, dal 1 gennaio 2017
ULSS12, ULSS13 e ULSS14 si uniscono nella nuova ULSS 3 Serenissima
I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info

Esportazione sangue cordonale per uso autologo

In Italia è consentita la conservazione per uso autologo (personale) del sangue del cordone ombelicale, nei casi in cui sia presente, tra i consanguinei del nascituro, una patologia per la quale è riconosciuto appropriato l'utilizzo terapeutico delle cellule staminali presenti nel cordone ombelicale.
Tuttavia è possibile esportare presso una struttura estera a proprie spese, il sangue di cordone ombelicale prelevato al momento della nascita del proprio figlio e conservarlo ad uso personale.
L'accordo Stato-Regioni del 29 aprile 2010 riporta le modalità attraverso le quali le regioni assicurano, secondo le proprie esigenze organizzative ed operative, il rilascio dell'autorizzazione all'esportazione da parte delle Direzioni Sanitarie dell'Ospedale dove avverrà il parto.
I genitori interessati all'esportazione del sangue cordonale per uso autologo possono contattare telefonicamente le segreterie della Direzione Medica degli ospedali di:
 
Mirano via Don Giacobbe Sartor 4 telefono 041 5794121- 041 5794122  FAX 041  5794159  mail:  dirigenza.medica.mirano@ulss13mirano.ven.it Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00
 
Dolo – Via XXIX aprile 2,   telefono 041 5133205 – 041  5133459  FAX  041  5133396  mail:  dirigenza.medica.dolo@ulss13mirano.ven.it Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00
 
I genitori saranno ricevuti per l'espletamento della procedura finalizzata all'autorizzazione esclusivamente su appuntamento.
 
A tal fine è necessario prendere visione del materiale illustrativo allegato.
 
Quindi contattare la Direzione Medica del presidio dove avverrà il parto con congruo anticipo (almeno tre settimane prima rispetto alla data presunta del parto) in modo da poter compilare, controllare e consegnare tutta la documentazione necessaria entro un massimo di 10 giorni prima del parto stesso.
La Direzione Sanitaria, verificata la conformità e completezza della documentazione presentata consistente in:
 
1) referti dei marcatori infettivologi B, C ed HIV (HBsAg, Anti HCV, Anti HIV1-2) eseguiti nell'ultimo mese di gravidanza presso un laboratorio accreditato
2) certificazione di conformità, procedure di prelievo e confezionamento dei dispositivi forniti dalla banca estera presso la quale verrà conservato il campione
3) modulistica che dovrà essere restituita alla Direzione Sanitaria compilata e firmata da entrambi genitori (allegare i vari moduli)
 
 
rilascerà l'autorizzazione all'esportazione, da allegare al campione di sangue cordonale al momento della spedizione.
 
La Regione Veneto, in conformità all'accordo Stato regioni del 29 aprile 2010, ha stabilito che per il rilascio dell'autorizzazione e la raccolta del campione di sangue cordonale per uso autologo, i soggetti richiedenti paghino una tariffa pari a euro 300+ IVA,  indipendentemente dall'esito del prelievo.

 
Ultimo aggiornamento: 9-9-2016
Condividi questa pagina:
Documenti allegati